Il Natale di Xena

"Xena e il solstizio d'inverno" è l'episodio natalizio della principessa guerriera

Xena, col suo ficcare il naso in tutti gli eventi dell’antichità, non poteva farsi mancare una formidabile avventura alle origini del Natale.

Prima o poi descriveremo per bene tutto il Trash che si cela fra gli episodi della principessa guerriera forgiata dal fuoco di mille battaglie. Oggi però vogliamo soffermarci solo su una puntata di questa fortunatissima serie: la nona della seconda stagione.

Intitolato “Xena e il solstizio d’inverno“, questo episodio è una vera collezione di trashitudine (e ormai ve ne sarete fatti un’idea guardando il filmato introduttivo).

Il “Canto di Natale” ante litteram di Xena

Xena Zio Scrooge
Svegliati Scrooge! ehm, volevo dire, Senoc!

Una puntata sulle orme di Charles Dickens

L’intero episodio si configura come una delle tante reinterpretazioni di “A Christmas Carol“, la celeberrima opera firmata da Charles Dickens nel 1843.
Il riferimento è esplicitato anche nel titolo originale della puntata: “A Solstice Carol“.

L’accostamento della festività natalizia al solstizio d’inverno è una delle poche cose storicamente valide dell’intera serie televisiva. Sappiamo infatti come la festa romana del Sol Invictus abbia realmente influenzato la scelta paleocristiana di una data in cui festeggiare la nascita di Gesù.

Per il resto il contesto è decisamente assurdo: la festa del solstizio viene infatti già caricata di tutti i significati che col tempo il Natale cristiano ha ricevuto: lo spirito del solstizio in cui si è tutti più buoni, l’albero decorato e lo scambio dei doni sono solo alcuni esempi.

In questa vigilia del solstizio il nostro Scrooge è impersonato dal re Senor: un vecchio collerico e tormentato, che ha maturato un vero e proprio odio per questa festività e vuole sopprimerla.

Per fargli cambiare idea la stessa Xena interpreterà i tre spiriti del Natale: passato, presente e futuro.
L’unica differenza dal romanzo di Dickens è che qui gli spiriti sono sostituiti dalle tre Parche della mitologia greco-romana (per il nome se non per l’aspetto).

Il livello di citazionismo si spinge a quote molto elevate, con il vecchio Senor che, riprendendo le parole rivolte da Scrooge a Marley, accusa il primo spirto di essere un sogno dovuto alla cattiva alimentazione.

Alla nascita di Babbo Natale con Olimpia

Xena Santa Claus
Sono sicuro di aver già visto da qualche parte un tale così abbigliato

Se lo spirto del solstizio appare come una tradizione precedente, la nascita di Babbo Natale è invece opera diretta di Olimpia.

La fedele amica di Xena, infatti, riesce a convincere il vecchio Senticle (produttore di giocattoli) a trovare il coraggio di violare le leggi di re Senor per portare dei regali agli orfanelli.

Sempre Olimpia procura a quest’ultimo anche un travestimento (ovvero il costume da Santa Claus) e lo fa introdurre nell’orfanatrofio facendolo calare dal camino.

Il vedere Babbo Natale combattere a suon di giocattoli al fianco delle due eroine è pura poesia. Quando poi Olimpia le suona alle guardie con le note di Jingle Bells si raggiunge l’apice.

Quando Xena incontrò Gesù

Xena Maria e Gesù bambino
“Ti benedico Xena, anche se questo Natale hai provato a rubarmi la scena”

Ebbene sì cari amici, non si poteva certo fare un episodio di Natale senza il vero protagonista, no?

E così al termine della puntata Xena e Olimpia incontrano nientepopodimeno che lo stesso Gesù bambino il quale, fra le braccia di Maria, viaggia verso occidente.

Fin qui tutto bene, salvo per la peculiare capacità di Xena di incontrare sul suo cammino tutti i personaggi dell’antichità indipendentemente dal loro secolo di provenienza.

Un effetto speciale un pochino trash è forse il risplendere del viso di Gesù, quando sua madre dà la sua benedizione alle due viandanti dopo che Olimpia ha regalato loro il tradizionale asinello.

Tra l’altro, toglietemi una curiosità qui nei commenti: solo a me sembra che la voce di Maria sia la stessa della principessa Leila? Non sono riuscito a trovare fonti in proposito.

Bene, questo piccolo articolo a tema Xena si conclude qui. Ma non temete, ne seguiranno altri.
Nel frattempo Buon Natale!

Vercingetorige82
Dall'informatica alla filosofia, dalle religioni alla montagna, dalla psicologia alla forgiatura. Per me il Trash è una nuova frontiera del sapere (intanto che sgranocchio merendine atomiche).

Potrebbe piacerti anche!

Un commento su “Il Natale di Xena”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.